Attenzione, questo browserAdobe Flash Player

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE REGIONALE TOSCANA DEI PORTIERI D'ALBERGO
CHIAVI D'ORO
ARTICOLO 1
DENOMINAZIONE - SEDE ASSOCIATIVA - DURATA

E' costituita una libera associazione denominata: ASSOCIAZIONE REGIONALE TOSCANA DEI PORTIERI D'ALBERGO "LE CHIAVI D'ORO". Potrà essere utilizzata come sigla la denominazione abbreviata "LE CHIAVI D'ORO". Il simbolo dell'Unione è rappresentato da due chiavi d'oro incrociate recante la scritta in basso: Les Clefs D'Or. La sede è ubicata in Firenze Via del Ponte alle Mosse n. 36/a La durata dell'Associazione Regionale è illimitata nel tempo.

ARTICOLO 2

GLI SCOPI

L'Associazione Regionale non ha scopo di lucro, è apolitica, apartitica, asindacale e non ha scopi religiosi. L'Associazione Regionale ha i seguenti scopi:

* facilitare la ricerca di personale qualificato di portineria;

* salvaguardare l'onorabilità della professione di Portiere d'Albergo;

* organizzare seminari di aggiornamento tecnico - culturali;

* pubblicare e distribuire prodotti editoriali inerenti la loro professione ed affini e connessi alla medesima;

* la gestione di circoli ricreativi e sportivi per gli associati.

L'associazione potrà svolgere qualunque attività commerciale finalizzata al sostentamento dell'attività sociale purchè in regola con le normative vigenti e non lesiva dell'immagine dell'Associazione. In particolare al fine di conseguire gli scopi dell'associazione la medesima potrà svolgere le seguenti attività:

- organizzazione di eventi;

- l'attività di agenzia di viaggio e/o tour operator e di prenotazione di musei, teatri, concerti e quant'altro anche via web.

ARTICOLO 3

ADESIONI ALL'ASSOCIAZIONE REGIONALE

Sono considerati associati dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" quelle persone che riconosceranno il presente statuto. Sono da considerarsi vincolanti gli articoli 2, 4 e 5. L'Associazione dovrà essere composta da un minimo di 11 (undici) Associati Effettivi.

ARTICOLO 4

ADESIONE DEGLI ASSOCIATI ALL'ASSOCIAZIONE

Ogni candidato ad associato prima di essere ammesso dovrà presentare una domanda, la quale sarà controfirmata da due associati effettivi, allegata alla quale dovrà esibire una lettera di presentazione del Direttore d'Albergo che ne attesti l'effettiva mansione; dovrà altresì presentare due foto formato tessera della quali l'una sarà incollata sul modello di adesione l'altra sulla tessera dell'associato; dovrà versare l'importo della quota annuale che sarà comprensiva delle spese relative all'iscrizione, alla copia statuto, al distintivo ed al porta tessera. In caso di rifiuto di ammissione da parte del Consiglio Direttivo verrà rimborsata la somma anticipata dal candidato. Il candidato si impegna a non formulare alcun reclamo, a non esigere i motivi del rifiuto e a non esercitare alcun ricorso contro la decisione presa nei suoi confronti.

ARTICOLO 5

CATEGORIE DEGLI ASSOCIATI DELL'ASSOCIAZIONE

ASSOCIATI EFFETTIVI

Sono Associati Effettivi coloro che esercitano la professione di Portiere d'Albergo. Per essere annoverati tali devono: a) indossare sull'uniforme le chiavi d'oro incrociate, simbolo unico riconosciuto; b) esercitare la professione in alberghi di categoria superiore alle tre stelle comprese (non in residence o altro). Pure in possesso della qualifica di portiere questi possono occasionalmente espletare mansioni di ricevimento e cassa laddove richiesto dalla Direzione. Esercitano diritto di voto attivo e passivo.

ASSOCIATI ASPIRANTI

Sono coloro che, pur in possesso dei requisiti essenziali (art. 3 ) entrano a far parte dell'Associazione Regionale. Il periodo di 'Aspirante' è di due anni dal momento della iscrizione al termine dei quali questi vengono trasferiti d'ufficio nella categoria degli associati Effettivi. Esercitano diritto di voto attivo.

ASSOCIATI SENIOR

Sono associati senior coloro che hanno raggiunto per scelta o termine l'età della pensione, nonché coloro che al raggiungimento dell'età pensionabile continuano a svolgere mansioni di portiere d'albergo o di consulenza. Esercitano diritto di voto attivo e passivo. Comunque sia, l'Associazione regionale si impegna affinché il numero massimo degli associati Senior eletti nel Consiglio Direttivo non sia superiore alle tre unità. Agli associati senior sono precluse le mansioni di Presidente, Segretario, Vicepresidente.

SIMPATIZZANTI ESTERNI

Sono simpatizzanti esterni tutti coloro che intendono partecipare attivamente alla vita associativa dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" e che condividono gli scopi di cui all'art. 2 del presente statuto. Sono simpatizzanti esterni coloro che nel corso della carriera lavorativa hanno cambiato mansione da quella iniziale di portiere d'albergo perdendo così i requisiti propri degli associati effettivi e che, a seguito di loro precisa richiesta, vogliano contribuire dall'esterno alle finalità della Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO". Non esercitano diritto di voto attivo e passivo.

ARTICOLO 6

DIRITTI E DOVERI DEGLI ASSOCIATI

I diritti degli associati sono: - l'uso del logo e dell'appellativo "Le Chiavi d'Oro". - l'esercizio del diritto di voto nell'Assemblea dell'Associazione Regionale nei limiti indicati all'art. 5. I doveri degli associati: - Osservare e rispettare le prescrizioni statutarie contenute nel presente atto pena la sospensione del diritto di voto e l'applicazione di sanzioni deliberate dal Consiglio Direttivo; - Collaborare fattivamente con il Consiglio Direttivo dell'Associazione Regionale dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" nel perseguire gli obiettivi di volta in volta prefissi; - Proteggere da ogni abuso l'uso del marchio registrato; - Favorire gli associati di altre associazioni consorelle quando siano in visita. E' esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

ARTICOLO 7

DIMISSIONI

Ogni associato che voglia lasciare l'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo 'LE CHIAVI D'ORO' dovrà inviare le proprie dimissioni con lettera raccomandata o fax o email indirizzata al Presidente dell'Associazione Regionale. Gli Associati dimissionari non avranno diritto ad alcun rimborso. La quota associativa è intrasmissibile e non è rivalutabile.

ARTICOLO 8

ESPULSIONI - RADIAZIONI

Ogni associato dell'Associazione Regionale che non si conformi al presente statuto o che per una qualunque causa rechi pregiudizio morale o materiale all'Associazione Regionale stessa o ad uno dei suoi membri sarà espulso in seguito ad una deliberazione del Consiglio Direttivo presa a maggioranza dei presenti. In caso di prolungate assenze non giustificate per iscritto, il Consiglio Direttivo ha facoltà di prendere provvedimenti disciplinari che partendo da una nota di biasimo potranno arrivare alla radiazione. Gli associati saranno radiati se non avranno pagato la loro quota annuale a meno di alcuni casi di forza maggiore, sui quali deciderà il Consiglio Direttivo. Le decisioni del Consiglio Direttivo saranno inappellabili fatte salve le disposizioni di legge. Gli associati espulsi o radiati non avranno diritto ad alcun rimborso.

ARTICOLO 9

ORGANISMI

Gli organismi dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" sono: * l'Assemblea degli Associati, * il Consiglio Direttivo, * i Revisori dei Conti; * il Consiglio dei Saggi.

ARTICOLO 10

ASSEMBLEA ORDINARIA

Ogni anno sarà indetta un'Assemblea Ordinaria degli Associati per l'approvazione del bilancio e per gli adempimenti di propria competenza. La riunione dell'assemblea, per gli adempimenti di propria competenza, si svolgerà di norma entro il mese di marzo di ogni anno. Le convocazioni saranno indirizzate con lettera semplice o fax o email, a cura del Segretario del Consiglio Direttivo, a tutti gli associati effettivi ed aspiranti e associati senior almeno 15 (quindici) giorni prima della data stabilita, nella quale siano indicati l'ordine del giorno, il giorno, il luogo e l'ora dell'adunanza. Le assemblee possono essere tenute anche in luogo diverso da quello della sede sociale.

ARTICOLO 11

ASSEMBLEA STRAORDINARIA

Un'Assemblea straordinaria potrà essere indetta all'occorrenza dal Consiglio Direttivo. Essa dovrà essere obbligatoriamente convocata su richiesta dei Revisori dei Conti o di almeno un terzo degli Associati. Ogni domanda dovrà essere indirizzata per iscritto al Presidente e dovrà contenere l'argomento o gli argomenti proposti, dovrà inoltre essere motivata. L'Assemblea dovrà tenersi entro due mesi dalla richiesta. Le modalità di convocazione dell'assemblea straordinaria sono quelle indicate all'art. 10 per l'assemblea ordinaria.

ARTICOLO 12

VOTAZIONI

Le votazioni sia per l'assemblea ordinaria che per l'assemblea straordinaria si terranno a maggioranza dei presenti salvo quanto indicato al successivo articolo 13. Colui che ha diritto di voto potrà farsi rappresentare con delega. In caso di parità di voti durante le assemblee, sarà decisivo il voto del Presidente.

ARTICOLO 13

QUORUM COSTITUTIVI

Le deliberazioni dell'assemblea sono prese a maggioranza di voti e con la presenza di almeno la metà degli associati. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità gli amministratori non hanno voto. Per modificare l'atto costitutivo e lo statuto occorrono la presenza di almeno tre quarti degli associati e il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Per deliberare lo scioglimento dell'Associazione occorre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati.

ARTICOLO 14

VERBALE ASSEMBLEE

Il verbale di ogni assemblea degli associati è redatto e trascritto dal Segretario su un apposito registro e deve essere firmato dallo stesso oltre che dal Presidente dell'Associazione Regionale.

ARTICOLO 15

CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da un numero variabile di membri da un minimo di 7 (sette) ad un massimo di 11 (undici), come in appresso indicato: un Presidente; un Vice-Presidente; un Segretario; un Segretario Aggiunto; un Tesoriere; da un minimo di due ad un massimo di sei Consiglieri. Il Consiglio Direttivo rimane in carica per tre esercizi e tutti i componenti sono rieleggibili.

ARTICOLO 16

ELEZIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Le elezioni del Consiglio Direttivo dovranno aver luogo almeno un (1) mese prima dell'Assemblea Ordinaria dell'Unione Italiana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" - "LES CLEFS D'OR". Il Consiglio Direttivo resterà in carica per tre esercizi dal giorno della sua elezione. L'assemblea dovrà essere appositamente convocata per stabilire il numero dei componenti il Consiglio Direttivo che dovrà essere eletto. Hanno diritto di voto tutti gli associati aspiranti, effettivi e senior. Un apposito Comitato Elettorale verrà nominato dal Consiglio Direttivo uscente un mese prima della scadenza del Consiglio Direttivo in carica e compilerà una lista degli Associati Effettivi e Senior ai quali invierà una lettera di candidatura, nel numero deciso dall'Assemblea. La lista di coloro che accetteranno la candidatura verrà rispedita a tutti gli associati aventi diritto di voto; la suddetta dovrà essere restituita immediatamente con l'espressione del voto al Comitato Elettorale in busta chiusa. Dallo scrutinio verranno eletti i membri del Consiglio Direttivo per un totale massimo di undici (11) consiglieri. Il numero dei voti ricevuti da ogni candidato formerà la graduatoria. Il Comitato Elettorale ha anche il compito di nominare gli scrutatori e sorvegliare il regolare andamento delle votazioni. Nessuno potrà fare parte della lista dei candidati se non ha accettato firmando la lettera di proposta alla candidatura. Ciascun associato ha diritto ad un solo voto. A nomina avvenuta i consiglieri eletti nominano fra essi il Presidente con voto segreto. Risulterà nominato Presidente il Consigliere che avrà ricevuto la maggioranza assoluta dei voti. Il presidente assegnerà i vari compiti ai componenti il Consiglio. Riscontratane la necessità e per il buon andamento del Consiglio, il Presidente può provvedere alla ridistribuzione delle cariche sociali. Nel caso che un candidato abbia presentato regolarmente la propria candidatura e si trovi nelle condizioni di non poter accettare la carica assegnatagli, verrà rimesso al rango di associato ed al suo posto verrà immesso nel consiglio il candidato non eletto che ha ricevuto il maggior numero di voti. In caso di mancata accettazione da parte dell'eletto a Presidente si procederà ad una nuova votazione fra i Consiglieri. Gli associati senior eletti nel Consiglio Direttivo non potranno ricoprire la carica di Presidente, Vicepresidente e Segretario dell'Associazione Regionale. Nel Consiglio Direttivo non potranno essere eletti più di tre associati senior. Nel caso in cui fra i candidati vi fossero più di tre candidati senior il quarto ed i seguenti non saranno eleggibili e saranno sostituiti dai candidati effettivi non eletti che avranno riportato il maggior numero di voti.

ARTICOLO 17

VACANZA IN SENO AL CONSIGLIO DIRETTIVO

Nel caso di vacanza in seno al Consiglio Direttivo, questo procederà alla nomina di uno o più membri vacanti. Questi decadranno dal loro mandato alla fine dell'esercizio in corso. Alla ricorrenza della prima assemblea ordinaria degli associati saranno indette le votazioni per la/e sostituzione/i dei membri vacanti.

ARTICOLO 18

FUNZIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Rientrano nelle funzioni del Consiglio Direttivo: * l'ordinaria e la straordinaria amministrazione dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" senza esclusioni di sorta; * la costituzione del suo ufficio; * garantire il rispetto dello Statuto ed il raggiungimento degli obiettivi dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO".

ARTICOLO 19

RIUNIONI

Il Consiglio Direttivo si riunirà almeno 6 (sei) volte all'anno su convocazione informale del Presidente, il quale indicherà l'ordine del giorno, luogo, data e ora della riunione. Potranno partecipare, a tali riunioni, anche i singoli associati senza però poter esercitare diritto di voto.

ARTICOLO 20

DELIBERAZIONI

Le deliberazioni del Consiglio Direttivo saranno adottate a maggioranza dei presenti. In caso di parità sarà determinante il voto del Presidente.

ARTICOLO 21

VERBALE

Il verbale di ogni riunione del Consiglio Direttivo è redatto a cura del Segretario trascritto su un apposito registro e deve essere firmato sia dal Presidente dell'Associazione Regionale che dal Segretario.

ARTICOLO 22

SPESE DI VIAGGIO

I membri del Consiglio Direttivo e quelli ufficialmente autorizzati dall'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" avranno diritto ad un rimborso delle spese sostenute nell'esercizio delle loro funzioni con i fondi dell'Associazione Regionale.

ARTICOLO 23

FIRME

Solo la firma del Presidente impegna l'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO".

ARTICOLO 24

POTERI DEL PRESIDENTE

Egli assicurerà l'applicazione delle prescrizioni statutarie. Egli è il rappresentante legale dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO", per tutti gli atti della vita civile ed i rapporti di essa con la Pubblica Amministrazione in genere. Il Presidente e il Tesoriere sono i soli qualificati per operare ogni deposito, ritiro, vendita, trattative o scambio di fondi, in contanti o titoli secondo i migliori interessi dell'Associazione Regionale, in via congiunta tra loro. Il Presidente può per facilità del servizio, delegare totalmente o parzialmente le sue funzioni con firma al Vicepresidente e al Tesoriere (quest'ultimo limitatamente alle funzioni finanziarie). Il presidente può in ogni momento verificare o far verificare i libri contabili e amministrativi e, con l'approvazione del Consiglio Direttivo, convoca l'assemblea generale ordinaria degli associati e ne stabilisce l'ordine del giorno. Riceve i reclami ed espleta o fa espletare le inchieste ad esse inerenti sottoponendo quindi i risultati dell'inchiesta al Consiglio Direttivo che deciderà.

ARTICOLO 25

VICEPRESIDENTE - SEGRETARIO - TESORIERE, LORO FUNZIONI

Il Vicepresidente supplisce il Presidente nelle sue funzioni in caso di impedimento del medesimo. Il Segretario è incaricato della stesura dei verbali, della corrispondenza, della tenuta amministrativa dei libri ed archivi con esclusione dei libri contabili. Il Tesoriere è incaricato della contabilità, è tenuto ad osservare le regole della contabilità generale e dovrà essere in grado di dare spiegazioni e di rendere conto della situazione della tesoreria. I conti verranno chiusi trimestralmente, l'anno amministrativo corrisponderà all'anno solare. Il Tesoriere presenterà ogni trimestre alla riunione del Consiglio Direttivo i conti relativi al trimestre precedente, egli riceverà le osservazioni, se rese necessarie, o l'approvazione del suo operato, con firma del Presidente sulla chiusura dei conti. Egli renderà conto in Assemblea Generale degli Associati della gestione annuale. Su un conto corrente bancario aperto a nome dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO", presso un istituto di credito scelto a maggioranza del Consiglio Direttivo, verranno depositati i fondi eccedenti le normali esigenze di cassa.

ARTICOLO 26

I REVISORI DEI CONTI

L'Assemblea degli Associati può eleggere due Revisori dei Conti effettivi e due supplenti, rieleggibili, aventi un mandato della durata di tre esercizi. Essi sono responsabili di fronte all'Assemblea degli Associati e non fanno parte del Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 27

ATTRIBUZIONI DEI REVISORI DEI CONTI

Le attribuzioni dei Revisori dei Conti sono le seguenti: * Esaminare la situazione dei conti e farsi consegnare qualsiasi documentazione relativa alla contabilità; * Verificare la situazione della Tesoreria; * Prendere conoscenza, se necessario, dei verbali delle Assemblee del Consiglio Direttivo; * Presentare all'Assemblea degli Associati un rapporto sulla situazione finanziaria dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO". Tale rapporto deve essere comunicato al Consiglio Direttivo almeno quindici giorni prima della data dell'Assemblea.

ARTICOLO 28

IRREGOLARITA'

In caso di irregolarità ravvisata da uno o più Revisori dei Conti, essi saranno tenuti ad informare immediatamente il Consiglio Direttivo con una relazione scritta. Uno dei due revisori può agire, in questo caso, senza l'accordo dell'altro. I revisori, disgiuntamente, possono richiedere la convocazione dell'Assemblea Straordinaria dei Associati secondo le condizioni stabilite dall'articolo 11.

ARTICOLO 29

PRESIDENTI ONORARI/CONSIGLIO DEI SAGGI

Gli ex Presidenti dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" rinunciando ad ogni candidatura presente e futura nel Consiglio Direttivo saranno nominati Presidenti Onorari. Gli ex Presidenti dell'Associazione Regionale faranno parte di diritto del Consiglio dei Saggi che ha la funzione di salvaguardare gli interessi ed il rispetto dello Statuto dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" e avranno la funzione di dirimere le controversie di particolare importanza che saranno poste alla loro attenzione. Possono assistere alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto.

TESORERIA

ARTICOLO 30

PATRIMONIO

Il patrimonio dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo è composto da: a) quote associative

b) entrate e uscite.

Queste sono amministrate dalla Tesoreria.

ARTICOLO 31

QUOTE ASSOCIATIVE

L'ammontare delle quote dovute dagli associati è fissato dall'Unione Italiana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" - " LES CLEFS D'OR".

ARTICOLO 32

VERSAMENTI

Gli associati dell'Associazione regionale dovranno versare la loro quota per ciascun anno solare al momento della iscrizione o, per quanto riguarda il rinnovo, entro il ventotto febbraio di ogni anno. Un associato non in regola con la quota associativa non potrà partecipare alle assemblee sia ordinarie che straordinarie dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO". La morosità nel versamento della quota è considerata danno materiale all'Associazione Regionale.

ARTICOLO 33

IMPIEGO DI FONDI

I fondi dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" saranno utilizzati per: * Spese d'Amministrazione; * Spese per le riunioni del Consiglio Direttivo, delle Assemblee, manifestazioni, nonché per la partecipazione alle Assemblee, riunioni, cene sociali, organizzazioni di eventi, congressi eccetera, dell'Unione Nazionale dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" - "LES CLEFS D'OR"; * Spese di pubblicazione di riviste, bollettini, annuari; * spese per l'organizzazione di seminari di aggiornamento tecnico-culturale, etc. L'Associazione può, a seguito di specifica delibera da parte del Consiglio, destinare fondi a scopo di beneficenza. E' fatto espresso divieto di distribuire anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione, nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

ARTICOLO 34

BILANCIO

Il Tesoriere deve redigere il bilancio dell'anno in corso ed inviarlo ai Revisori dei Conti, se nominati, un mese prima del giorno fissato per l'Assemblea degli Associati.

ARTICOLO 35

OBBLIGHI DELL'ASSOCIAZIONE REGIONALE TOSCANA DEI PORTIERI D'ALBERGO "LE CHIAVI D'ORO"

Delle obbligazioni contratte dall'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" risponde l'Associazione Regionale stessa, fatta eccezione che per le responsabilità personali del Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 36

ESERCIZIO SOCIALE

Gli esercizi sociali corrispondono all'anno solare. Si chiuderanno, quindi, il 31 (trentuno) dicembre di ogni anno.

ARTICOLO 37

SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE REGIONALE TOSCANA DEI PORTIERI D'ALBERGO "LE CHIAVI D'ORO"

Lo scioglimento dell'Associazione Regionale Toscana dei Portieri d'Albergo "LE CHIAVI D'ORO" può essere deliberato solo dall'Assemblea degli Associati alla quale dovrà essere presente la maggioranza degli stessi, anche per delega, e la deliberazione dovrà essere presa con il voto favorevole dei tre quarti degli associati presenti. In caso di scioglimento il patrimonio dell'Associazione verrà devoluto ad altre associazioni con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, sentito l'organo di controllo di cui all'art. 3 comma 190 legge 23 dicembre 1996 n. 662 e salva diversa destinazione imposta dalla legge.

ARTICOLO 38

MODIFICHE DELLO STATUTO

Le proposte di modifica del presente statuto saranno esaminate solo in seguito a presentazione di richiesta scritta al Presidente da parte di almeno un terzo (1/3) degli associati. Una proposta di modifica potrà altresì essere presentata dal Consiglio Direttivo, previa approvazione con la maggioranza dei due terzi (2/3) dei membri del Consiglio Direttivo. Qualsiasi proposta di modifica sarà presa in esame dal Consiglio Direttivo e verrà trasmessa e presentata ad un'Assemblea Straordinaria degli Associati all'uopo convocata. Le proposte di modifica devono ottenere l'approvazione di tre quarti (3/4) dei voti validi.

ARTICOLO 39

DISPOSIZIONI FINALI

Il presente Statuto, approvato dall'Assemblea degli associati riunita in sede straordinaria, dovrà essere osservato come Atto Fondamentale dell'Associazione. Per quanto non è stato espressamente previsto nel presente Statuto sono applicabili le norme del Codice Civile ed eventualmente le disposizioni di leggi speciali in materia associativa.